Committenza e devozione: un focus su sei dipinti del Barocco Romano

una mostra didattica
mostra passata

Committenza e devozione: un focus su sei dipinti del Barocco Romano

UNA MOSTRA DIDATTICA

(Villa Mondragone, Galleria dei Dipinti, 26 marzo – 17 luglio 2022)

Istituzioni organizzatrici:

Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”; Istituto Regionale per le Ville Tuscolane; The Catholic University of America; Pontifical Irish College, Rome.

Curatori della mostra e del catalogo:

– Giovan Battista Fidanza, professore ordinario di Storia dell’arte moderna, Università di Roma “Tor Vergata”, Direttore di Villa Mondragone (fidanza@lettere.uniroma2.it – 349 7863641); 
– Guendalina Serafinelli, Instructor in Liturgical Art and Architecture, The Catholic University of America, Rome Center (serafinelli@cua.edu).

Luogo:

 Villa Mondragone, Via Frascati 51, 00078 Monte Porzio Catone (Roma).

Segreteria organizzativa:

Flavia De Nicola, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” (flavia.de.nicola@uniroma2.it).

Catalogo:

Per il carattere essenzialmente formativo della mostra – oltre che per il fatto che due delle quattro istituzioni organizzatrici sono anglofone – i curatori hanno pensato di scrivere il catalogo in inglese e di farlo pubblicare da uno dei migliori editori internazionali specializzati in questo settore (Paul Holberton Publishing di Londra), in primo luogo per stimolare gli studenti a studiare l’arte in inglese, la lingua della ricerca storico-artistica che sarà loro necessaria per le loro rispettive carriere future (per ottenere un dottorato di ricerca o per lavorare in un museo, all’università, nelle case d’asta internazionali, nel campo del turismo culturale).

La mostra

Villa Mondragone, celebre per essere stata la residenza extra-urbana di Papa Gregorio XIII, è dal 1981 di proprietà dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

I dipinti sono esposti nella ex “Galleria dei dipinti”, fatta costruire dal Cardinale Scipione Borghese (dopo l’acquisto della Villa nel 1613) come sede della sua collezione di quadri e statue, funzione che questa galleria perse definitivamente dai primi anni dell’Ottocento. La mostra è l’occasione per utilizzare di nuovo (dopo più di duecento anni) lo spazio originariamente concepito per quella celebre galleria.

Pensata in primis per studenti universitari e seminaristi – oltre che per gli studenti delle scuole secondarie e per il grande pubblico di appassionati, turisti e cultori d’arte – la mostra intende fornire strumenti metodologici che consentano di “leggere” un’immagine sacra attraverso la ricostruzione del contesto storico, devozionale e liturgico in cui è stata commissionata e prodotta.

A tale scopo sono stati selezionati sei dipinti su tela di alcuni tra i maggiori rappresentanti del Barocco romano, sui quali i curatori hanno promosso apposite ricerche di carattere storico, documentario, iconografico e tecnico, dando vita a singoli casi di studio da esaminare – di fronte alle opere originali – insieme agli studenti e agli altri eventuali visitatori. Il San Francesco di Paola e San Nicola di Bari di Andrea Sacchi proviene da Camerino (Musei Civici e Diocesani); il San Giovanni Battista nel deserto di Valentin de Boulogne da Apiro (Collegiata di Sant’Urbano); l’Ecce Homo di Guido Reni dal Pontifical Irish College di Roma; il Riposo durante la fuga in Egitto di Carlo Saraceni dall’Eremo Tuscolano di Monte Porzio Catone; l’Annunciazione di Carlo Maratti e il Martirio di Sant’Agapito di Andrea Camassei dalla Cattedrale di Palestrina. Tre di queste opere (quelle di Maratti, Camassei e Sacchi) sono state concesse in prestito dai proprietari in cambio del restauro, che è stato accompagnato da accurate indagini diagnostiche con ottimi risultati anche dal punto di vista storico-tecnico. Fatta eccezione per le tele di Valentin de Boulogne e Carlo Saraceni, le altre non sono mai state esposte in una mostra; particolare attesa suscita il capolavoro di Guido Reni, vero protagonista del progetto.

La mostra sarà inoltre l’occasione per riflettere sui rapporti tra i pittori e i committenti e sull’uso religioso, oltre che sociale e politico, dei dipinti, ricontestualizzandoli nel luogo per il quale furono eseguiti. L’intento principale è quello di trasmettere – agli studenti ma anche al grande pubblico – il concetto che un’immagine sacra va in primo luogo considerata, e studiata, come depositaria di significati storici, liturgici e devozionali, ai quali è possibile affiancare l’elemento stilistico in una seconda fase di approfondimento, soprattutto per interpretare il linguaggio di cui l’artista si è servito per assolvere alle richieste del committente.

Catalogo

Patronage and Devotion

A Focus on Six Roman Baroque Paintings

Data di pubblicazione: 2022
Editore: Paul Holberton Publishing
Lingua: Inglese
Diventa un mecenate

Contribuisci anche tu al progetto di valorizzazione e fruizione di Villa Mondragone.